fbpx

 

UN LAVORO ANTICO COME L’AGRICOLTURA

Una delle figure fondamentali nella storia degli antichi mestieri agricoli è il mugnaio.

Il suo lavoro non era semplicemente legato alla lavorazione delle farine ma richiedeva una grande abilità tecnica.

Un’abilità necessaria sia per la gestione e la manutenzione delle componenti meccaniche del mulino, sia per la gestione e lo sfruttamento dell’energia delle risorse naturali (come l’acqua o il vento).

 

IL MUGNAIO NELLA STORIA

La figura si evolve nel corso della storia e cambia di importanza in base alle epoche. Nel Medioevo ricopriva una posizione centrale, poiché si occupava della gestione dei mulini dei signori locali e delle città.

Dal XIV secolo assunse una certa autorità che gli permetteva anche di poter imporre una tassa sulla molitura.

 

STRUMENTI DI LAVORO DEL MUGNAIO

Il mugnaio era un anello fondamentale fra la prima raccolta dei cereali nei campi e le fasi successive di elaborazione delle farine.

Il suo strumento di base era la macina in pietra: una grande pietra fissa attorno alla quale girava un’altra pietra mobile azionata in molteplici modi.

L’evoluzione del suo lavoro, infatti, segue naturalmente gli sviluppi tecnici del suo strumento di lavoro, da prima azionato con la forza umana o animale, poi con l’energia naturale ed, infine, con l’energia elettrica.

 

IL RUOLO DEL MUGNAIO NELLA SOCIETA’

Il lavoro del mugnaio, ha sempre avuto grande importanza, e la sua abilità tecnica determinava anche la qualità del prodotto finale.

Un lavoro agricolo prima considerato di primaria importanza e, successivamente, con l’industrializzazione dei processi produttivi, passato in secondo piano.

 

PERCHE’ IL SUO LAVORO E’ IMPORTANTE OGGI?

Oggi, i piccoli produttori agricoli che continuano ad affidarsi al suo lavoro, contribuiscono a dare un valore aggiunto alle loro farine.

Il coinvolgimento del mugnaio diviene, quindi, un sinonimo del saper fare agricolo e del bagaglio culturale racchiuso in un semplice, ma fondamentale, prodotto agroalimentare.

Sostenendo i nostri piccoli produttori contribuirai a mantenere in vita non solo una tradizione agroalimentare ma un’intera filiera e le microeconomie locali connesse.

 

di Andrea Faggiano I 13 giugno 2020

 

Chatta con noi whatsapp