Soddisfazione nel team di Coltivatori di Emozioni che grazie alle donazioni di IRSAP è riuscita a sostenere in modo significativo gli apicoltori della prima social-farming italiana

Le api: da sempre è riconosciuto il ruolo fondamentale che ricoprono nel nostro ecosistema. Nutrono con il loro miele, guariscono con la pappa reale ma, in particolare, sono essenziali per il nostro ambiente. Le api, infatti, insieme ad altri insetti, garantiscono la grande varietà di frutta e verdura grazie all’impollinazione.

Molti apicoltori, però, lamentano una morìa delle api che sta diventando sempre più significativa e preoccupante. E le api che muoiono non sono un buon segno per l’agricoltura.

Minacciate da pesticidi, monocolture, parassiti, malattie e cambiamenti climatici, le api stanno mostrando una significativa difficoltà a sopravvivere. 

Sono soprattutto i pesticidi ad incidere sulla sopravvivenza delle api mettendo a rischio gli impollinatori. Per questo motivo, l’eliminazione delle sostanze chimiche più pericolose per le api rappresenta, senza alcun dubbio, il primo e più efficace passo da affrontare.

I piccoli gesti possono salvare il mondo

Le grandi rivoluzioni, com’è noto, partono da piccoli gesti. In questo particolare momento storico, l’ambiente ha bisogno di piccoli gesti coraggiosi che indichino la strada per cambiare rotta e salvare il nostro pianeta.

Coltivatori di Emozioni, da sempre, supporta gli apicoltori della propria rete, indirizzando le ore lavoro che i donatori della community destinano alle aziende agricole degli apicoltori.

La filosofia, condivisa con chi sceglie di adottare un agricoltore di Coltivatori di Emozioni, va nella direzione della sostenibilità, della custodia dell’ambiente e della salvaguardia delle tradizioni legate al mondo agricolo.

La piattaforma di social-farming di Coltivatori di Emozioni registra un aumento significativo di utenti che si uniscono in questo percorso e che scelgono di supportare i piccoli agricoltori italiani.

E sono sempre di più anche le imprese che manifestano una sensibilità crescente per l’ambiente.

È il caso di IRSAP che con l’adozione di alcuni apicoltori ha donato 52 ore-lavoro ad Apiamoci (Veneto), 8 ore-lavoro agli apicoltori di Miele di Scarperia (Toscana), 10 ore-lavoro agli apicoltori del Miele di Viggianello (Basilicata), 10 ore-lavoro agli apicoltori del Biologico Biferno (Molise). I dipendenti che hanno ricevuto in regalo dall’azienda IRSAP i cofanetti con il certificato di adozione e con i vasetti di miele contribuiranno al raggiungimento dei piccoli obiettivi che concorrono a realizzare i grandi cambiamenti.

Scarperia

IRSAP

IRSAP oggi è uno dei maggiori gruppi italiani, protagonista nel settore del riscaldamento e del condizionamento in Europa. La sede e l’insediamento produttivo principale sono in Veneto, ad Arquà Polesine (Rovigo).

Il gruppo IRSAP da tempo ha intrapreso un percorso virtuoso nell’ottica green e si è attivata su vari fronti. L’approccio ‘green’ punta, oggi, alla salvaguardia dell’ambiente per renderlo, domani, disponibile a tutti.

Un processo di crescita tecnologico straordinario ha portato IRSAP a realizzare prodotti ideali per l’edilizia di ultima generazione, moderni impianti a bassa temperatura e sistemi con elevate performance in linea con i requisiti dei più moderni Green building.

Efficienza e risparmio energetico dei prodotti IRSAP sono la risposta alle nuove esigenze di comfort, estetica, funzionalità e spirito green per generare benessere in totale sicurezza, rispettando l’ambiente.